Calcio Napoli, Mazzarri sfida l’Inter: «Noi siamo Campioni d’Italia. Non puntiamo al pari»

85 Visite

Una finale che può terminare in ogni maniera. Una partita secca che potrebbe dire tanto sul futuro di entrambe le squadre. Non c’è una classifica di mezzo, ma poco importa se in palio c’è un trofeo prestigioso come la Supercoppa Italia. Napoli e Inter si affrontano lontano da una Serie A scombussolata dal nuovo caso increscioso di razzismo avvenuto nel match di sabato sera tra Udinese e Milan. Walter Mazzarri vuole tenere tutti sul pezzo, ricordando non solo il Napoli da dove è partito per essere lì ma anche del valore elevato dell’avversario che si andrà ad affrontare. Queste le parole del tecnico azzurro riportate dal Corriere dello Sport:

 «Il Napoli, grazie allo scudetto dello scorso anno, è già conosciuto nel mondo e già ai miei tempi, 12-13 anni fa, con l’approdo in Champions League c’era un percorso di crescita. In 23 anni di carriera mi è capitato due volte di competere per questo trofeo, spero di riuscire ad alzarlo, ma onestamente sarei contento lo stesso di essere arrivato in finale. La squadra è la cosa più importante, devono approfittarne per vincere il trofeo. Li sto stimolando. L’Inter? Ho notato che davanti aveva una signora squadra con un grande allenatore e abbiamo visto un’Inter straripante da tutti i punti di vista. In un campionato così, anche le grandi squadre possono avere flessioni: affronteremo l’Inter nel momento migliore possibile per loro. Se dovessimo fare bene, come speriamo, ci darebbe ancora più fiducia per il prosieguo della stagione. Non firmo per il pari. Non ci scordiamo che sto allenando dei ragazzi che sono campioni d’Italia, finché qualcun altro non vincerà lo scudetto. Con l’Inter in campionato abbiamo avuto possesso palla superiore, ma abbiamo perso 3-0 in contropiede. Abbiamo fatto la partita con possesso palla e palle gol, ma loro hanno segnato tre volte. Il calcio è una materia particolare, che va interpretata in un certo modo. Siamo carenti a livello di organico perché abbiamo diverse defezioni, ma a livello di mentalità ce la giocheremo alla pari con l’Inter. Olivera sicuramente è assente. Cajuste? Lo recuperiamo, Zielinski sta bene dal punto di vista fisico e verificheremo il minutaggio. Traore deve fare una piccola preparazione. Ngonge? Ci ho parlato 5 minuti, è disponibile e penso sia in un buon grado di preparazione. Potrebbe essere impiegato, sarò io a capire se è il caso, perché è arrivato in un gruppo che non conosce. Sarà difficile vederlo. Lindstrom? La situazione è particolare, non è facile entrare in una squadra come il Napoli che aveva i suoi titolarissimi. Il ragazzo ha dato delle buone risposte e io lo vedo motivato. Si deve ancora ambientare, ci vuole pazienza».

Foto: ANSA

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo