Tentato suicidio nel carcere di Poggioreale

56 Visite

E’ successo nel noto carcere napoletano di Poggioreale dove un detenuto quarantenne ha tentato di togliersi la vita. A segnalare l’episodio è il segretario regionale “Con.si.pe Campania” Luigi Castaldo, il quale dichiara: “l’importanza della presenza fisica del personale di Polizia Penitenziaria è fondamentale sebbene l’atavica carenza di organico stia ormai mettendo a rischio la sicurezza”.

Secondo fonti certe, l’esecuzione sarebbe dovuta avvenire al terzo piano del padiglione Milano, mediante un cappio di lenzuola procurato direttamente dall’uomo che avrebbe poi attaccato alle inferriate della finestra. Tempestivo è stato l’intervento del poliziotto penitenziario.  

Il detenuto è affetto da forte depressione, motivo per cui è sotto osservazione.

Inoltre, si segnala che nel carcere di Poggioreale manchi la presenza di oltre duecento poliziotti penitenziari, ragione per cui, secondo Castaldo, questo metterebbe a repentaglio la sicurezza di tutti e obbliga il poco personale che c’è, a carichi di lavoro eccessivi.

Una presenza costante in prima linea di figure professionali specializzate al trattamento dei reclusi come educatori, psicologi e psichiatri, assistenti sociali: creerebbe più vita in carcere laddove oggi si vive uno stato di abbandono pomeridiano e nei fine settimana”, conclude l’esponente del Con.si.pe.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo