Negli Stati Uniti i giovani muoiono più che nel dopoguerra

237 Visite

 Incidenti d’auto, omicidi, suicidi e overdose di droga. I giovani americani muoiono come le mosche, in barba a decenni di progressi nel campo dell’assistenza sanitaria e della sicurezza. Il tasso di mortalità tra il primo anno di vita e i 19 anni è il più alto degli ultimi 15 anni. Tra il 2019 e il 2020 è cresciuto del 10,7%, e nel 2020 l’effetto del Covid, strettamente legato alla malattia, non ha pesato più degli effetti collaterali della pandemia, che hanno invece contribuito alla crescita della mortalità per il peggioramento di ansia e depressione tra i giovani.

Tra le cause anche il maggiore accesso alle armi da fuoco, la guida pericolosa e gli stupefacenti più letali hanno contribuito ad aumentare i tassi di mortalità. C’è uno studio pubblicato dal Wall Street Journal, condotto dal Center on Society and Health della Virginia Commonwealth University diretto da Steven Woolf. Dall’analisi emerge che su 100 mila giovani tra 1 e 19 anni, nel 2021 sono morti in 75, 50 nel 2020 e 25 nel 2029. 

Anche altri Paesi sviluppati, tra cui Regno Unito, Germania, Canada e Norvegia, hanno registrato un aumento del numero di decessi tra i giovani in quel periodo, anche se spesso gli aumenti si sono concentrati in gruppi di età ristretti o in un solo sesso, secondo i conteggi globali dei decessi forniti da Christopher J.L. Murray, direttore dell’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington.

Le armi prima causa di morte tra i giovani Usa

I suicidi tra gli americani di età compresa tra i 10 e i 19 anni hanno cominciato ad aumentare nel 2007, mentre i tassi di omicidio nella stessa fascia di età hanno iniziato a salire nel 2013. Dati che sono passati in gran parte inosservati all’inizio perché i tassi complessivi di mortalità infantile e adolescenziale sono diminuiti nella maggior parte degli anni. 

stati uniti ricerca rivela aumenta numero giovani morti© AGF

La penicillina e altri antibiotici hanno fatto diminuire, infatti, le morti per infezioni batteriche negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale e i vaccini hanno tenuto sotto controllo virus letali come la poliomielite e l’influenza. Automobili più sicure, cinture di sicurezza e seggiolini hanno reso la guida meno letale.

Caschi da bicicletta, rilevatori di fumo e lezioni di nuoto hanno ridotto gli incidenti mortali e gli annegamenti. I progressi medici che salvano i bambini prematuri e curano la leucemia e altri tipi di cancro hanno aiutato un maggior numero di bambini a sopravvivere a diagnosi un tempo letali. “Tutti questi vantaggi sono ora compensati da quattro cause di morte”, ha detto Woolf. 

Quando è iniziata la pandemia, le morti dei giovani per suicidio e omicidio sono aumentate. Sono aumentati in modo significativo anche i decessi causati da overdose di droga e i decessi dovuti ai trasporti, soprattutto gli incidenti automobilistici.

Ansia e depressione più letali del Covid

Secondo la ricerca guidata da Woolf, che utilizza i dati dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, il Covid, che è diventato la terza causa di morte in America durante la pandemia, rappresenta solo un decimo dell’aumento della mortalità tra i giovani nel 2020 e un quinto nel 2021.

I bambini e gli adolescenti più grandi, di età compresa tra i 10 e i 19 anni, hanno rappresentato la maggior parte dell’aumento dei tassi di mortalità dei giovani. I ragazzi, il cui tasso di mortalità è circa il doppio di quello delle ragazze, hanno visto il loro tasso di mortalità peggiorare in misura leggermente maggiore durante la pandemia, ha rilevato Woolf. I risultati complessivi si sono confermati quando i ricercatori hanno escluso i giovani di 18 e 19 anni, che sono stati inclusi nella ricerca più ampia perché i dati governativi sono raggruppati in fasce d’età di cinque anni.

I medici e i ricercatori della sanità pubblica sostengono che la chiusura delle scuole, l’annullamento delle attività sportive e giovanili e le limitazioni alla socializzazione di persona hanno aggravato la crescente epidemia di salute mentale tra i giovani negli Stati Uniti. I social media, secondo loro, hanno contribuito ad alimentarla sostituendo le relazioni di successo con un desiderio di attenzione sociale online che lascia i giovani insoddisfatti e li espone a siti che glorificano comportamenti malsani come i disordini alimentari e il tagliarsi.

stati uniti ricerca rivela aumenta numero giovani morti© AGF 

La domanda di servizi psichiatrici, consulenza e altri supporti per la salute comportamentale ha superato di gran lunga l’offerta, lasciando che i giovani pazienti si rivolgessero ai dipartimenti di emergenza, messi a dura prova dalla calca del Covid.

In una certa misura, l’aumento dei tassi di mortalità dei giovani rispecchia le tendenze della popolazione adulta. I tassi di mortalità hanno iniziato a salire per gli americani bianchi di mezza età a partire dal 1999, soprattutto a causa di suicidi, abuso di alcol, overdose di farmaci e malattie croniche del fegato, mentre i tassi per gli americani neri e ispanici sono diminuiti nello stesso periodo. 

Nel 2020, l’aspettativa di vita è diminuita di 1,8 anni, il più grande declino almeno dalla Seconda Guerra Mondiale, non solo a causa della Covid, ma anche a causa dell’aumento della mortalità per lesioni non intenzionali, comprese le overdose di droga, e degli omicidi.

I ricercatori sottolineano il fatto che il possesso di armi è aumentato durante la pandemia e che atti di violenza di alto profilo da parte della polizia, tra cui l’omicidio di George Floyd, hanno aumentato la sfiducia nelle forze dell’ordine. Questo ha spinto alcune persone a ricorrere a forme letali di “giustizia di strada” invece di chiamare la polizia, ha detto Daniel Webster, professore di salute pubblica alla Johns Hopkins University che si occupa di ricerca sulla violenza da armi da fuoco e prevenzione.

La crescente disponibilità delle cosiddette armi fantasma – armi costruite con parti acquistate online o realizzate con stampanti 3-D – ha reso più facile per gli adolescenti procurarsi armi da fuoco che non potevano ottenere legalmente a causa delle restrizioni di età.

Più vittime anche sulle strade

Secondo la ricerca guidata da Woolf, gli adolescenti neri hanno rappresentato quasi due terzi delle vittime di omicidio tra i 10 e i 19 anni all’inizio della pandemia, una percentuale che è cresciuta rispetto alla metà di due decenni fa. Gli adolescenti bianchi sono storicamente morti con tassi più alti di overdose di droga, ma l’aumento dei tassi di tali decessi tra gli adolescenti neri e ispanici ha colmato questo divario nel 2020. 

stati uniti ricerca rivela aumenta numero giovani morti© AGF 

L’aumento degli incidenti mortali legati ai trasporti si verifica nonostante il fatto che la gente guidasse meno quando è iniziata la pandemia. I ricercatori sostengono che l’assenza di altre auto sulla strada abbia spinto alcune persone a guidare in modo più spericolato e che la distrazione dei cellulari abbia reso la guida più letale negli ultimi anni. Il consumo di alcolici è aumentato durante la pandemia, facendo forse aumentare i decessi causati dalla guida in stato di ebbrezza.

Molti esperti di salute pubblica affermano di non credere che la fine della pandemia invertirà l’aumento dei tassi di mortalità tra i giovani. Rivara prevede che questi problemi continueranno a causa delle persistenti problematiche legate alla salute mentale e all’accessibilità delle armi.

agi

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo