18enne ucciso, Comune si costituisce parte civile

39 Visite

La giunta comunale di Napoli ha approvato, su proposta dell’assessora all’Avvocatura Emanuela Ferrante, la delibera relativa alla costituzione di parte civile del Comune di Napoli nel processo per la morte di Francesco Pio Maimone, il diciottenne ucciso il 18 marzo scorso mentre si trovava in compagnia di amici nella zona degli chalet di Mergellina. “La morte del giovane pizzaiolo – si legge in una nota del Comune di Napoli – è stata un duro colpo per tutta la società civile e per l’intera città che si è mobilitata affinché tragedie simili non accadano mai più e che sia posto un freno alla diffusione della violenza e all’uso delle armi tra i giovani che ha spezzato le vite di tanti figli innocenti della città”. (foto Repubblica)

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo