Calcio Napoli, a testa alta: nonostante la sconfitta contro l’Inter, la prestazione azzurra è encomiabile

107 Visite

Prima di questa Supercoppa Italia, ciò che aveva messo in mostra il Napoli era fragilità, paura, ansia e incapacità di reagire agli eventi negativi. La competizione giocata in Arabia Saudita ha ridato vigore, forza, energia e orgoglio ai Campioni d’Italia, che sfiorano l’impresa contro l’Inter a un passo dalla fine. Una partita equilibrata, ma a bilancio vanno messe l’ottimo momento dei nerazzurri e lo stato di forma non idilliaco del Napoli (oltre alle numerose assenze). Il primo tempo vede sicuramente partire meglio i nerazzurri, con qualche tentativo verso la porta di Pierluigi Gollini, ma senza mai chiamarlo in causa. La ripresa si apre con il ricordo di Gigi Riva, la notizia della sua scomparsa era arriva qualche minuto prima del fischio d’inizio e quindi si è scelto di omaggiarlo a cavallo dei due tempi. Di fatto la prima vera parata del match è di Yann Sommer su un bel tiro a giro di Khvicha Kvaratskhelia.

Lo squillo del georgiano sembra stappare la panchina, tanto da portare lo stesso Marcus Thuram a un tiro da fuori area che trova pronto Gollini. La vera svolta arriva con il secondo giallo per un pestone su Francesco Acerbi da parte di Giovanni Simeone, che viene espulso. Napoli in dieci, ma le proteste azzurre al momento del rosso sono accese nei confronti dell’arbitro accusato di aver compiuto più di una scelta errata. Il match riprende e i nerazzurri prendono terreno, ma i Campioni d’Italia si difendono in tutti i modi possibili. Il castello difensivo partenopeo crolla solo nei minuti di recupero a causa della zampata puntuale di Lautaro Martinez. L’Inter vince quindi la Supercoppa Italia, ma il Napoli ritrova se stesso tra mille difficoltà.

Foto: ANSA

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo