“Medeya” – Al Serra Giulia Piscitelli e Stefania Ventura rileggono Euripide

22 Visite

Da venerdì 2 a domenica 4 febbraio Giulia Piscitelli e Stefania Ventura – quest’ultima anche nelle vesti di regista – saranno in scena al teatro Serra di Fuorigrotta (via Diocleziano, 316) con “Medeya”, testo ispirato alla storia ed al mito greco della moglie dell’eroe Giasone che aveva aiutato nella conquista del vello d’oro.
Personaggio che cura da ogni male, grazie alle sue arti magiche, ma viene ripudiata dal marito per sposare la figlia del Re di Corinto, salire al trono della città e trasmettere il titolo agli eredi. Accecata dall’ira, la donna uccide la promessa sposa e i suoi stessi figli, per lasciare l’uomo che l’ha abbandonata senza discendenza e vola verso Atene sul carro del Sole.

Nell’opera di Euripide l’eterno scontro tra bene e male, i sentimenti, le emozioni e le piccinerie degli esseri umani, da una parte, dall’altra la purezza, senza giudizio né retorica, in tutta la loro grandezza e bellezza, che mitologiche divinità sapevano rispecchiare e incarnare. 

“Ho sempre vissuto il teatro come gioco, nel senso di to play e per questo, ho deciso di cogliere la sfida di una tragedia, con divertimento. Con rispettoso divertimento. Il testo è quello di Euripide, ma il progetto registico costruito intorno, cerca di coinvolgere il pubblico senza angosciarlo”
– spiega l’attrice e regista Stefania Ventura. 

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo