Il rap per trasformare la perdita di un genitore in un inno alla sua memoria: Malattia è il nuovo singolo di Blutarsky

66 Visite

Blutarsky, il rapper romano conosciuto per il suo stile unico, torna a toccare le corde dell’anima con il suo nuovo singolo, “Malattia“, con cui affronta con coraggio, delicatezza e commozione una delle ferite emotive più profonde: la perdita di un genitore.

Il testo è un’esplorazione intima in cui ogni verso è corroborato di emotività e riflessione. Frasi come «Volo su un aereo sopra queste nuvole, sembra proprio il punto di vista che ora guardi te» evocano un’immagine di connessione celeste con il padre, una vicinanza in grado di superare la barriera della morte.

La canzone affronta la transizione di Blutarsky da figlio a uomo, costretto ad affrontare la vita in solitaria, senza gli insegnamenti, i consigli e il supporto del padre. Ma il cuore della traccia si trova nel grido interiore «La mia malattia è non averti più qui»: la “Malattia” di cui parla Blutarsky non è una condizione fisica, ma una condizione dell’anima che  diventa un modo di tenere vivo il ricordo del padre.

 Con “Malattia”, l’artista non solo onora la memoria di suo padre e di tutti i padri prematuramente scomparsi, ma eleva il rap ad una forma d’arte capace di raccontare i più intimi moti dell’animo. 

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo