Miseno, da lido abusivo a Parco Pubblico da sogno

56 Visite

Continua l’opera del Sindaco territorialista di Bacoli Josi Della Ragione, un vero e proprio esempio per le nuove generazioni di amministratori locali del Sud.
Contestatissimo da chi – pagando una Concessione Demaniale – pensa di essere il padrone della spiaggia e del mare, portato in palmo di mano da chi può rivedere il mare e accedere allo stesso senza più inferriate a fare da barriera o “pizzi” da pagare a uno stabilimento.  

Dalla Piscina Mirabilis, al Castello Aragonese fino a quella Casina Vanvitelliana diventata ormai un luogo simbolo per tutta la zona di Miseno, già apprezzatissima per le sue spiagge ma lungamente abbandonata ad un degrado che ne ha mortificato le possibilità di sviluppo che solo oggi vengono alla ribalta con prepotente bellezza e orgoglio di un’identità che si va ricostruendo.  

Una nuova tessera sta per aggiungersi al mosaico tra qualche giorno, anzi, a ore. Si tratta del nuovo parco pubblico di Miseno che, sottratto al suo status di lido abusivo, sarà inaugurato il prossimo mercoledì 7 febbraio alle 11:00 dal primo cittadino di Bacoli, che commenta con entusiasmo l’evento: 
“Nessuno più credeva che si potesse realizzare un parco aperto a tutti. Ed invece ci siamo riusciti. Dopo decenni di promesse non mantenute, consegniamo a Miseno la sua villetta sulla Punta Sarparella. Un bene comune che abbiamo liberato da abusivismo selvaggio e degrado. 
Qui, sarà visibile anche la Villa romana scoperta durante i lavori, risalente ai tempi del Porto Militare di Misenum, ed al comandante Plinio il Vecchio”. 

PATRIZIA STABILE

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo