Altragricoltura: aperto confronto col governo, trattori a casa in presidio permanente

48 Visite

In seguito alla manifestazione di ieri 15 febbraio TELODOIOILMADEINITALY in Piazza del Campidoglio convocata da Altragricoltura Confederazione per la Sovranità Alimentare e Popolo Produttivo, che ha visto la partecipazione di oltre duemila persone, si avvierà, nella prossima settimana, il confronto con il Governo sui quattro temi definiti nell’incontro tenuto con il Senatore Patrizio La Pietra: l’indebitamento delle aziende, il controllo del mercato e gli accordi di libero scambio, la garanzia del prezzo al campo e i costi di produzione, il rapporto fra diritto a produrre e riconversione ambientale.

All’incontro, tenuto nel pomeriggio del 14 febbraio, oltre il segretario di Stato, hanno partecipato il Presidente della IX Commissione del Senato (industria, commercio, turismo, agricoltura e produzione agroalimentare), Senatore Luca De Carlo, una delegazione composta da Altragricoltura e il Popolo Produttivo con i rispettivi rappresentanti Gianni Fabbris e Angelo Di Stefano, e cerealicoltori, allevatori, frutticoltori, pescatori, pastori in rappresentanza dei lavoratori di tutta Italia.
L’assemblea ha valutato positivamente la decisione del Governo di aprire tavoli di lavoro sui singoli nodi di crisi e gli impegni del Senatore De Carlo a sviluppare il confronto nelle sedi Parlamentari.

“Siamo venuti a Roma con i trattori da tutta Italia, per avere una risposta alla richiesta che il Governo apra il confronto con chi la crisi la sta denunciando da decenni e avanza proposte per superarla. Per questo Altragricoltura, che si prepara al confronto avanzando dossier di proposte, lancia un appello a tutti quanti hanno a cuore la causa affinché si possa aprire una stagione nuova di Riforme e di misure, in Europa e in Italia.
– ha dichiarato Gianni Fabbris.

Raggiunto il primo obiettivo, rimanendo in mobilitazione, i trattori e gli altri mezzi che si sono mossi dal Casertano e dal Sud del Lazio, sono rientrati nella notte ai luoghi di origine dandosi appuntamento a Casal di Principe per condividere le proposte da portare al tavolo di confronto e per decidere come, in Campania e altrove, il movimento si possa estendere e rafforzare.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo