Braccianti presi a cinghiate e senza cure mediche

336 Visite

Presi a cinghiate per un momento di riposo o riaccompagnati a casa e lasciati senza cure invece che in ospedale dopo un malore.

Sono alcuni degli episodi che hanno coinvolto braccianti agricoli stranieri emersi dall”indagine della Procura di Santa Maria Capua Vetere sul caporalato nei fondi del Casertano, che ha portato all”emissione da parte del gip sammaritano di quattro divieti di dimora in provincia di Caserta per altrettanti imprenditori agricoli di Marano di Napoli, accusati dei reati di sfruttamento del lavoro e impiego di manodopera clandestina.
   

L”indagine, condotta dai carabinieri dell”Ispettorato del Lavoro, è partita in seguito ai controlli effettuati dai militari dell”Arma sui terreni agricoli e attivati dalla task force anticaporalato prevista con il progetto Su.Pr.Eme. (ansa)

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo