Maltrattamento infanzia, Campania all’ultimo posto in Italia

[epvc_views]

La Campania è la Regione italiana dove bambine e bambini sono più esposti ai maltrattamenti, considerando sia i fattori di rischio, sia quelli di prevenzione e contrasto. È quanto emerge dall’Indice regionale sul maltrattamento e la cura all’infanzia in Italia, curato da Fondazione Cesvi, alla sua sesta edizione. Ne emerge, ancora una volta, un’Italia spaccata dove il Nord è generalmente più virtuoso del Mezzogiorno. La Campania resta all’ultimo posto della classifica stilata nel rapporto, in posizione invariata rispetto alla precedente rilevazione e preceduta al penultimo posto dalla Sicilia e al terzultimo dalla Puglia. La Regione registra il risultato peggiore in ben cinque dei sei parametri presi in considerazione: la capacità di cura di sé e degli altri, di vivere una vita sana, di vivere una vita sicura, di lavorare e di accedere a risorse. La capacità di acquisire conoscenza e sapere resta alla 18esima posizione, come nel rapporto precedente.

La Campania si conferma così, per Fondazione Cesvi, una Regione a “elevata criticità”, ossia uno di quei territori dove i fattori di rischio sono elevati, ma non vi corrisponde una reazione del sistema dei servizi, al di sotto della media nazionale (queste Regioni sono nove: Campania, Sicilia, Calabria, Puglia, Molise, Basilicata, Abruzzo, Lazio, Piemonte). In Campania, Cesvi è attiva a Napoli, nel quartiere di San Pietro a Patierno, con la Casa del Sorriso, struttura che sostiene l’infanzia in difficoltà e supporta le famiglie. Secondo il Comune di Napoli, il 39% dei 5.267 bambini e ragazzi assistiti dai servizi sociali ha subito maltrattamenti, spesso in famiglia. Nella Casa del Sorriso sono accolti minori e famiglie vulnerabili della zona, dove si sommano fattori di rischio come la disoccupazione, le gravidanze precoci al 14,9%, l’alto tasso di dispersione scolastica.

Nello spazio multifunzionale, gestito da Cesvi con la Cooperativa Sociale Il Grillo Parlante, sono promosse attività di sostegno psicologico, ascolto e orientamento, di supporto alla genitorialità, laboratori sportivi, psicomotori, artistico-espressivi, proposte educative e percorsi personalizzati per sviluppare e potenziare le proprie risorse.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo