Napoli. Consiglieri maggioranza e opposizione uniti: sindaco troppo assente

[epvc_views]

Alla presenza di 26 consiglieri e con interventi sulle “questioni urgenti” si è aperta oggi la seduta del Consiglio comunale di Napoli. Tra i diversi interventi quelli inerenti la mancata presenza in Aula del sindaco e degli assessori. Denuncia e richiesta di spiegazioni in merito sono giunte non solo dagli scranni dell’opposizione. Aniello Esposito, consigliere comunale del Pd, ha chiesto che sia garantita la presenza del sindaco o almeno del vicesindaco alla seduta del Consiglio, “perché l’Aula ha bisogno dei principali interlocutori”. Stessa lamentela portata avanti da Nino Simeone che dai banchi del gruppo misto ha parlato di “situazione di disagio” per la mancanza di dialogo con la giunta su “temi importanti della vita della città”

Di mancata condivisione da parte della giunta delle informazioni e delle iniziative dell’Amministrazione ha parlato Fulvio Fucito (Manfredi Sindaco) che ha ricordato “l’importante ruolo svolto dai consiglieri comunali nel rappresentare i cittadini”. Anche Rosario Andreozzi (Napoli Solidale Europa Verde Difendi la Città) ha chiesto una maggiore partecipazione del sindaco Gaetano Manfredi alle sedute del Consiglio rilevando che “il malcontento espresso oggi dalla maggioranza ha evidenziato un problema di tenuta degli equilibri in Giunta, invitando a risolvere e a rafforzare il rapporto degli assessori con i consiglieri”.

Sergio D’Angelo (Napoli Solidale Europa Verde Difendi la Città) nel suo intervento si è spinto oltre evidenziando che “esiste un problema nella maggioranza e che va verificata la sua solidità. Non è possibile discutere di delibere importanti, come alcune di quelle previste oggi in assenza dell’assessore di riferimento, nel rispetto del principio della trasparenza, e occorre mettere il Consiglio nelle condizioni di svolgere al meglio la sua funzione di indirizzo e controllo”. Non diversi gli interventi di Catello Maresca (Gruppo Maresca) che ha stigmatizzato l’assenza prolungata di Manfredi, di Rosario Palumbo (Insieme per Napoli Mediterranea Italia)e di Salvatore Guangi (FI) che ha sottolineato le difficoltà dell’attuale giunta, “come dimostrano i numerosi interventi critici dei consiglieri di maggioranza” chiedendo all’Amministrazione un cambio di passo “in grado di offrire servizi migliori ai cittadini”.

Dopo gli interventi urgenti la seduta del Consiglio comunale è stata temporaneamente sospesa, al momento erano presenti 27 consiglieri, per incontrare una delegazione dei lavoratori e delle lavoratrici della Napoli Servizi. Alla ripresa, però, hanno risposto all’appello solo in 20, un numero di consiglieri insufficienti per proseguire i lavori. Alla presidente Enza Amato è toccato quindi il compito di sciogliere la seduta per mancanza del numero legale.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo