Estorsione per far usare locale della chiesa, arrestato clochard

155 Visite

Da una “offerta a piacere” alle minacce, strappa le chiavi ad un musicista che doveva utilizzare i locali della chiesa e viene arrestato per tentata estorsione. In manette è finito un clochard nordafricano di 36 anni. “Ormai era diventata una spiacevole abitudine, ma questa volta ha esagerato”.

È ora di cena e la centrale operativa dei carabinieri riceve una richiesta di aiuto. I carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli intervengono a piazza Museo 9. Lì c’è un locale di proprietà della parrocchia Santa Maria di Costantinopoli. Quel posto viene dato in comodato d’uso a chi solitamente lo chiede e, in questa circostanza, ad utilizzarlo è un 42enne napoletano. L’uomo, che fa parte di un gruppo musicale, utilizza quel locale per esercitarsi. Nelle ultime settimane, però, un clochard nordafricano, 36 anni, sosta da quelle parti. L’uomo, ogniqualvolta vedeva il musicista arrivare, chiedeva denaro. La richiesta si trasformava velocemente in minaccia e, a volte, il 36enne si faceva dare le chiavi del portone di ingresso. Per la restituzione il 42enne era costretto a dare un’offerta a “piacere”.

Ieri sera l’ultimo episodio al quale la vittima non ha voluto più sottostare. Il clochard era quanto mai violento e, anche questa volta, aveva strappato le chiavi del portone dalle mani del musicista. Da qui la richiesta di aiuto al 112 con la gazzella dell’Arma che arriva sul posto. Il 36enne oppone immediatamente resistenza al controllo dei Carabinieri che con non poche difficoltà lo bloccano. Dopo qualche minuto vengono ritrovate anche le chiavi del locale: erano state nascoste nel bivacco di fortuna poco distante ricavato dall’arrestato. Le chiavi sono state restituite alla vittima mentre l’arrestato è in attesa di giudizio e dovrà rispondere di tentata estorsione e resistenza.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo