Calcio Napoli, squadra decimata: all’Olimpico banco d’esame per chi scenderà in campo

103 Visite

Dimenticare polemiche annesse alla sconfitta subita in finale di Supercoppa Italia contro l’Inter e prendere quanto di buono fatto nell’arco di quei novanta minuti. Non c’è tempo per il Napoli di leccarsi le ferite, ma bisogna subito rituffarsi in campionato per una sfida dal sapore europeo. All’Olimpico Walter Mazzarri si ritrova con poche soluzioni, visto che agli assenti per la Coppa d’Africa e gli infortunati si aggiungono anche gli squalificati Khvicha Kvaratskhelia, Jens Cajuste e Giovanni Simeone. La coperta in attacco è più che mai corta: sarà della partita Giacomo Raspadori, unico a poter giocare al centro, mentre si apre una nuova occasione per Jesper Lindstrom, ancora oggetto misterioso della squadra azzurra, ma occhio anche al nuovo arrivato Cyril Ngonge, già presente (in panchina) alla finale di Supercoppa Italia. A centrocampo potrebbe arrivare l’ultima partita di Piotr Zielinski con questa maglia. Mentre non cessano i movimenti in entrata e uscita: Leander Dendoncker ha fatto le visite mediche e sta avvenendo anche il pressing finale per chiudere la trattativa di Nehuen Perez dell’Udinese. In uscita ci sono Alessio Zerbin e MatijaPopovic, entrambi destinati in prestito al Monza. Decimati sì, ma pronti ad un nuovo riscatto. Tutto ciò è quello che si evince anche dal messaggio postato da Juan Jesus il giorno dopo la sconfitta contro l’Inter:

“Fa ancora male perdere così dopo una lotta all’ultimo pallone e mezz’ora in dieci. Uno di voi in privato mi ha mandato la foto della figlia che piange dopo la nostra sconfitta. Fa terribilmente male. Credo peró che si possa imparare anche da questa sconfitta e dallo spirito mostrato dai miei compagni, da quella voglia di stare insieme nelle difficoltà e combattere l’uno per l’altro. Ricominciamo da questo. Stringiamoci forte e ripartiamo”.

Foto: ANSA

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo