I No Longer Player tornano a far vibrare le corde del rock con “Almond Tumblr Man”

47 Visite

Dopo il successo del “Resto a Casa Tour” e del “Torno a Casa Tour” – un viaggio tra bicicletta e musica in collaborazione con lo IOR – Istituto Oncologico Romagnolo che ha attraversato l’Italia sostenendo la ricerca sul cancro, i No Longer Player fanno il loro comeback sulle scene con “Almond Tumblr Man”, un’incursione simbolica nel tema della vanità e della cultura dell’apparenza.

Attivo sulle scene dal 2014, il trio composto da Cristian D’Emilio, Luca Staccoli e Federico Bertuccioli – a cui subentra, successivamente, Eugenio Borgia -, ha saputo lasciare il segno nel panorama musicale nazionale, non solo per l’impegno filantropico e sociale, ma anche per una versatilità degna di nota. Dal primo mini EP “Now Here, Nowhere” al debutto in lingua italiana “Buonanotte alle aspettative“, fino al ritorno all’inglese con “Sleeping with Ghost“, si sono sempre distinti per la loro attitudine cosmopolita ed il loro approccio pluridimensionale alla musica, mantenendo al contempo un’identità artistica forte e riconoscibile.

Questa nuova release, che promette di rivoluzionare l’indie rock italiano ed il modo in cui lo percepiamo, nasce da un’ispirazione tanto originale quanto affascinante: i piccioni tombolieri e la loro lotta estrema per l’amore, un parallelo con la vanità umana che trova eco nelle parole e nei ritmi incalzanti del gruppo. La genesi di “Almond Tumblr Man“, infatti, si ispira alla storia di questa particolare specie, gli Almond Tumbler, simboli di una passione così ardentemente folle da sfociare in autolesionismo, riflettendo sulla natura umana e sulla sua inclinazione a superare i limiti, spesso a discapito di se stessa.

 “Quanti di noi muoiono per mano della propria vanità?”, si chiede Cristian D’Emilio, mente creativa della band, riflettendo su come ci si annienti nel tentativo di accettarsi ed essere accettati.

Almond Tumblr Man” è una metafora della vanità umana, un viaggio emotivo che esplora i confini di quell’autodistruzione generata dal sempre più frequente desiderio di piacere a chiunque incroci la nostra strada. Come i piccioni tombolieri, anche l’uomo talvolta si confonde e si fonde nel proprio ego, sacrificando la propria essenza per un’apparenza fugace.

I No Longer Player dimostrano che il rock rimane una forza potente, capace di trasmettere semplicità, stile ed energia pura, confermando come possa ancora essere uno strumento potente per comunicare messaggi profondi e stimolare la riflessione.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo