Calcio Napoli, Mazzarri: «Parlerò con Osimhen. Con il Genoa non possiamo fallire»

160 Visite

Partita importante specialmente per reagire allo scontro diretto perso con il Milan. Walter Mazzarri parla della sfida con il Genoa, ma anche delle condizioni valutate sia ieri sera che questa mattina di Victor Osimhen, rientrato dopo la sconfitta in finale di Coppa d’Africa. Queste le parole del tecnico azzurro riportate dal Corriere dello Sport:

«Non ho mai fatto tabelle in vita mia, c’è solo da pensare di vincere tante partite. Abbiamo 15 gare di campionato e 2 di Champions. Avendo tutta la rosa a disposizione, è chiaro che siamo più fiduciosi di conquistare vittorie. Si può tentare, senza fare tabelle, di arrivare più in alto possibile. Sette punti sono tanti, ma dipende anche da noi. Tante avversarie dovranno venire a Napoli, abbiamo un pubblico eccezionale e proveremo fino alla fine a provare ciò che non siamo riusciti a fare fino a questo momento. Con Osimhen ho un contatto continuo. Ci parlerò e vedremo se sarà disponibile per domani. Vediamo come sta. Spesso, per non dare vantaggi agli avversari, tanti allenatori riescono a cambiare modulo. Se ricordate, nell’ultima conferenza ho detto che sono riuscito a far assimilare tre moduli: 3-4-3, 4-3-3 e 3-5-2. Mi avete chiesto tutti che Kvara aveva più difficoltà a smarcarsi perché su di lui andavano tre persone alla volta. Gli ho cambiato la posizione con risultati ottimi. A Milano gli è mancato solo il gol. Dato che la squadra ha assimilato tre moduli è un vantaggio cambiare in corso d’opera se i ragazzi sono pronti per farlo. Sulle ultime prestazioni credo che con il Milan avevamo fatto un’ottima partita e non meritavamo di perdere, sia con il primo modulo che con il secondo modulo. Come si recuperano 7 punti? Ovviamente vincendo le partite e sperando che le altre non facciano altrettanto. L’Atalanta dovrà venire al Maradona, così come il Bologna. È possibile fare qualche risultato eclatante fuori casa. Con 45 punti è possibile recuperarne 7. Poi sarò con voi qui nel dire se ci siamo riusciti o meno. Di sicuro faremo di tutto per arrivare quarti. Questo è ciò che dico serenamente. Siamo in grado di poterci provare e questo non vuol dire riuscirci. I ragazzi devono saperlo e anche loro devono assumersi la responsabilità, come faccio io. Osimhen? Negli ultimi giorni ha fatto il giro del mondo. Lui ha fatto tante partite e sarà stanco, ieri ha fatto un lungo volo e credo che possa anche non essere in condizione. Ci parlerò.




Poi c’è da dire che ci sono calciatori importanti che sono qui e si allenano per bene. Dovrò valutare. Traoré non era in condizione di giocare, adesso sembra che sia arrivato a un minutaggio decente. È arrivato il momento di provarlo, anche se non ha i novanta minuti. Voglio recuperarlo perché potrà servirci. La prima cosa che dirò ai calciatori è che domani c’è una squadra ostica. A Milano ho visto un tifo assanato perché tutti vogliono fare l’impresa contro i campioni d’Italia. Si pensa solo al Genoa, del Barcellona non ho mai parlato con nessuno. Più di questo non posso fare. In questo momento credo che si rendano conto che stiamo facendo meno punti e che col Genoa non si può sbagliare».

Foto: ANSA

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo