21enne picchiata e costretta a prostituirsi, arrestato 29enne

44 Visite

Orrore a Torre del Greco: la giovane ha subito violenze in presenza del figlio di un anno

Picchiata, costretta ad assistere ad atti sessuali del compagno e addirittura a prostituirsi davanti a lui. Orrore a Torre del Greco, in provincia di Napoli. I Carabinieri della Compagnia di Torre del Greco, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della Procura oplontina, hanno proceduto all’arresto di un uomo accusato dei reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, sequestro di persona, induzione e sfruttamento della prostituzione, commessi nei confronti della compagna convivente, in alcuni casi anche in presenza del figlio minore della donna, di appena un anno.

Il provvedimento – si legge in una nota a firma del procuratore Nunzio Fragliasso – è stato emesso all’esito di un’articolata attività d’indagine, coordinata dalla Procura di Torre Annunziata e svolta dai Carabinieri della Stazione di Torre del Greco Capoluogo, originata dalla denuncia sporta dalla donna, una 21enne di Torre del Greco, la quale, dopo I’ennesimo episodio di maltrattamenti, si è rivolta ai militari dell’Arma per denunciare le violenze fisiche, psicologiche, morali e sessuali, che negli ultimi due anni subiva dall’indagato, un uomo di 29 anni, anche alla presenza del figlio minorenne.

La coppia negli ultimi mesi ha convissuto in una stanza di albergo a Boscotrecase, che è stata teatro delle varie condotte di violenza che sarebbero state poste in essere dall’uomo, consistenti in offese e ingiurie, spesso accompagnate da aggressioni fisiche. Inoltre la donna ha denunciato di essere stata costretta, in alcuni casi, ad assistere ad atti sessuali che il compagno compiva con altre donne, mentre in una circostanza sarebbe stata obbligata, dal proprio compagno, a prostituirsi in cambio di denaro, che sarebbe stato versato direttamente a quest’ultimo. Sulla base degli elementi raccolti, ritenuta la sussistenza di un grave quadro indiziario a carico dell’indagato, il GIP ha emesso nei suoi confronti l’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita oggi. All’esito delle formalità di rito, l’arrestato è stato trasferito nella Casa Circondariale di Napoli Poggioreale Giuseppe Salvia.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo