Napoli città dei record, appuntamento con la maratona al 2025

39 Visite

Napoli città dei record sportivi con i risultati fatti registrare ieri dalla Napoli City Half Marathon.

La corsa nel centro cittadino ha infatti messo a segno il record italiano femminile della mezza maratona con Sofia Yaremchuk (1h 08’27”), dopo aver fatto segnare quello maschile con Yeman Crippa (59’26”) nel 2022, primato della gara ieri eguagliato dal keniano Brian Kwemoi Kirui.

    Gli organizzatori sottolineano come la città punti sempre di più sullo sport per accrescere il suo appeal internazionale e fare leva su una politica sociale, considerata il primo antidoto ai malesseri delle grandi metropoli.

Un cambio di passo che – si fa rilevare – dopo le Universiadi in Campania nel 2019, sta facendo di Napoli una capitale internazionale dello sport anche grazie alla ristrutturazione degli impianti.

    I record registrati ieri sono solo la punta di diamante di una manifestazione che ha visto la partecipazione di seimila runner nella splendida cornice del lungomare. “Abbiamo realizzato un sogno – spiega Carlo Capalbo, patron di Napoli Running – a Napoli seimila runner, il 70% dei quali provenienti da fuori Campania, di cui 2800 stranieri, cifre che significano almeno 8.000 transiti più in aeroporto, considerando che in media ci sono due accompagnatori per ogni runner. Siamo partiti dieci edizioni fa come una start up. Ora, grazie al lavoro di tutti e alla collaborazione dell’amministrazione siamo una delle mezze maratone top al mondo”.

    La maratona è l’evento sportivo più partecipato della città: “Seimila runners confermano la vocazione sportiva della nostra città”, ha detto nei giorni scorsi il sindaco Gaetano Manfredi.

    E il futuro parla di una manifestazione destinata a crescere ulteriormente. La data è quella del 23 febbraio 2025 e nell’attesa ci si gode il risultato sportivo di domenica con il podio maschile con tre uomini, tutti keniani, sotto l’ora.

    Dietro il vincitore Brian Kwemoi Kirui ecco Anthony Kimtai in 59’45” e Bernard Kipkurui Biwott in 59’47”.

    Tra le donne la keniana Angela Tanui ha concluso le sue fatiche in 1h07’04 migliorando di 12″ il suo record personale. E ora le Olimpiadi con Crippa e Yaremchuk che saranno le punte di diamante della maratona italiana. (ansa)

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo