Sociale, anche a Napoli via alla sperimentazione del Reddito Alimentare

32 Visite

Sono online da oggi le manifestazioni di interesse rivolte agli enti del terzo settore, esercenti pubblici e privati che vorranno aderire al progetto sul reddito alimentare promosso dall’assessoratoal Welfare del Comune di Napoli e strutturato dal Servizio di inclusione e integrazione sociale. Finalizzata alla riduzione degli sprechi alimentari, partirà una sperimentazione che vedrà impegnati gli enti del terzo settore raccogliere e redistribuire le eccedenze alimentari dei produttori e degli esercizi commerciali. L’attività sarà completamente co-progettata con gli enti e sarà comunicata grazie a una parte di risorse progettuali dedicate alla pubblicità del progetto.

«I progetti di reddito alimentare perseguono la duplice finalità di fornire un contributo alla lotta alla grave deprivazione materiale e contrastare lo spreco alimentare; i destinatari finali dei progetti di reddito alimentare saranno tutte le persone in condizione di povertà assoluta segnalate ai soggetti donatari dai servizi sociali territoriali competenti, persone indigenti già destinatarie di aiuti alimentari in ambito nazionale o europeo e chiunque ne faccia richiesta in base ad un bisogno urgente e indifferibile». Così l’assessore al Welfare del Comune di Napoli Luca Fella Trapanese, che ha aggiunto: «Mi sembra la prima risposta concreta alle difficoltà quotidiane delle famiglie, dei giovani disoccupati, dei fragili, di tutti coloro che si perdono perché annebbiati dal necessario che manca. I dati sulla povertà sono drammatici».

Napoli è con Genova, Firenze e Palermo una delle quattro città italiane in cui verrà sperimentata la misura. «La misura – ha spiegato Teresa Armato, assessora del Comune di Napoli al Commercio – consiste nella distribuzione gratuita di pacchi alimentari realizzati con l’invenduto della distribuzione alimentare, donati dagli esercizi commerciali, che aderiranno alla sperimentazione, in favore dei soggetti in condizioni di povertà assoluta. Sono molto soddisfatta che il tessuto produttivo e commerciale cittadino possa rendersi protagonista di azioni importanti come questa mettendo a disposizione il superplus che rappresenterebbe in alternativa solo costi di conferimento e smaltimento». Di seguito il link alle manifestazioni di interesse: https://www.comune.napoli.it/reddito-alimentare.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo