Napoli. Creatività, giovani e tradizione: presentato Palizzi Arte Festival

31 Visite

Mercoledì e giovedì prossimi (12 e 13 giugno) a Napoli il giardino storico del liceo artistico coreutico musicale Filippo Palizzi ospiterà la prima edizione del Paf – Palizzi Arte Festival. Ideato e diretto dall’attore e regista Gianfranco Gallo, il Paf vuole essere un’opportunità di confronto per gli studenti dei licei artistici e, al contempo, un’occasione per il comparto turistico della città di Napoli. Il progetto e il programma della prima edizione, dedicata a Libero Bovio, sono stati presentati questa mattina nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella sala Pignatiello di Palazzo San Giacomo con la partecipazione dell’assessora al Turismo e alle Attività produttive del Comune di Napoli Teresa Armato, di Gallo e del direttore del Polo delle arti Caselli Palizzi Valter Luca De Bartolomeis. Per ogni edizione, all’inizio dell’anno scolastico la direzione artistica comunicherà al liceo artistico Palizzi il nome della personalità del mondo dell’arte o dell’industria campana intorno alla quale lavorare per poi costruire i tre giorni di incontri e spettacoli. Il Polo Palizzi si trova nella sede del Museo artistico industriale Filangieri (via Duomo 288).

Alla fine dei corsi, nel mese di giugno, il giardino storico all’interno del magnifico edificio ospiterà gli spettacoli che i ragazzi avranno preparato e performance di professionisti, dedicate al personaggio individuato come protagonista dell’anno.

Intenzione futura è quella di allargare ad altri licei artistici campani e poi a quelli di tutta Italia la proposta di partecipazione. Il Paf, coniugando arte, industria e proposta culturale, può diventare un attrattore turistico al pari di altre manifestazioni di successo con i giovani al centro del progetto. Il valore aggiunto sta nelle opere di cui il Museo artistico industriale può disporre. ‘Sono Libero’ è un evento che ruota intorno alla figura del poeta, drammaturgo e scrittore Libero Bovio. Gran parte dei più grandi successi della canzone napoletana è stata scritta dalla sua penna: Tu ca nun chiagne (musica di Ernesto De Curtis), Reginella (musica di Gaetano Lama), Chiove, ‘O Paese d’ ‘o sole e Lacreme napulitane, solo per ricordarne alcune. Il Paf – in collaborazione con l’istituto Palizzi di Napoli, in cui hanno sede liceo artistico, liceo musicale, liceo coreutico e museo artistico industriale – prevede spettacoli, incontri e concerti che si terranno nel giardino storico dell’edificio di piazzetta Salazar, alle spalle di piazza del Plebiscito. Nei due giorni di eventi (mercoledì 12 giugno dalle 16 e giovedì 13 giugno dalle 18) sarà possibile visitare le sale del Museo Artistico Industriale e per la prima volta, in esclusiva, verranno esposti i bozzetti originali di Domenico Morelli relativi ai pannelli maiolicati del museo e i gioielli disegnati da Palizzi a tema naturalistico, che hanno ispirato la spilla realizzata come Premio Paf 2024. Il programma di ‘Sono Libero’ Mercoledì 12 giugno alle 17 ci sarà un live dedicato alla Canzone classica napoletana dal titolo Cu’ ‘e nastre e cu’ ‘e rrose tenuto dai ragazzi del liceo musicale e da quelli del coreutico e alle ore 18.00, nell’aula magna dell’istituto, si terrà il Concerto per don Liberato del pianista Luigi Esposito accompagnato da Emiliano Barrella alle percussioni.

Giovedì alle 20:30 si terrà il Premio Paf 2024 durante il quale saranno premiate alcune personalità per la loro attività legata alla canzone napoletana, a Libero Bovio e al mondo giovanile.

Riceverà il premio l’attore e cantante Ciro Capano, ultimo erede della parte più sanguigna e passionale del repertorio di Bovio, da Zappatore a Lacrime napulitane, da Pupatella a Brinnese.

Capano per l’occasione interpreterà tre brani del poeta. Gli altri premiati sono: Roberto Colella del gruppo musicale La Maschera; Antonella Fracchiolla, giornalista Rai; Luisa Franzese, direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale; l’attore e drammaturgo Peppe Lanzetta. Il Premio consiste in una spilla in ceramica e oro realizzata dagli studenti del Palizzi dei corsi di ceramica e di orafo che hanno voluto chiamare Cu’e nastre e cu’e rose, ispirandosi alla celebre canzone Reginella di Libero Bovio. Le serate saranno presentate dall’attrice Rosaria De Cicco.

La due giorni dedicata a Libero Bovio culminerà giovedì 13 giugno alle 21:15 con la rappresentazione dello spettacolo teatrale e musicale Reginella…sono Libero che vedrà in scena Gianfranco Gallo con la sua compagnia di 10 performer e con la partecipazione del percussionista Ciccio Merolla. Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo