Emergenza da fungo “mal secco” per limoni della Costa di Amalfi

[epvc_views]

 L’emergenza ‘Mal secco’ preoccupa gli agricoltori della costiera amalfitana.

Il fungo che colpisce i limoni rischia di mettere in ginocchio l’economia del territorio. Secondo una stima rivelata dal direttore provinciale della Coldiretti, Vincenzo Tropiano, un terzo della superficie investita a limone, tra Igp e non, è stata colpita dal disseccamento delle piante. Ne risentono non solo gli agricoltori, ma anche tutto l’indotto che coinvolge l’industria dolciaria e i liquorifici industriali e artigianali.

«Il Mal secco non è certo un problema di oggi – spiega Tropiano – da tempo stiamo provando a individuare soluzioni insieme alla Regione per l’adozione di nuovi metodi e l’utilizzo di nuovi strumenti per mitigare le fonti di infezione. Affiancheremo il Consorzio di Tutela “Limone Costa d’Amalfi IGP” per elaborare una strategia comune volta a contrastare questa emergenza fitosanitaria che ha serie ripercussioni sull’economia del territorio».

«La diffusione del Mal secco sta raggiungendo livelli preoccupanti e potrebbe avere conseguenze devastanti per la nostra economia – fa eco Angelo Amato, presidente del Consorzio di Tutela – è necessario agire tempestivamente e con decisione. Abbiamo chiesto l’istituzione di un tavolo di concertazione con gli enti preposti per mettere in campo tutte le misure necessarie a contenere e debellare questo fungo. La salvaguardia del Limone Costa d’Amalfi IGP è fondamentale non solo per i nostri produttori, ma per tutta la comunità della Costiera Amalfitana”. Tra le misure suggerite dal Consorzio vi è l’introduzione di pratiche agronomiche avanzate, l’utilizzo di prodotti fitosanitari più efficaci e la promozione di campagne di sensibilizzazione tra i coltivatori per il riconoscimento precoce dei sintomi di questo fungo. Inoltre, il Consorzio sottolinea “l’importanza di un adeguato supporto finanziario per i produttori colpiti dall’emergenza, per garantire la continuità della produzione e la sopravvivenza delle aziende agricole».

Il Mal secco affligge le colture della costiera amalfitana e sorrentina da almeno mezzo secolo. Il fungo raggiunge le piante trasportato dal vento. Attraverso le foglie penetra nel fusto e provoca la morte dell’albero. Coldiretti e Consorzio di tutela chiedono un piano di intervento che comprenda sia misure immediate di contenimento della malattia, sia strategie a lungo termine per la prevenzione e la ricerca di soluzioni sostenibili. (ansa)

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo