Ucciso per parcheggio, 23 anni per 4 imputati anche in appello

[epvc_views]

La Corte di Assise di Appello di Napoli ha confermato la condanna a 23 anni per i quattoritenuti responsabili dell’omicidio del custode del Parco Archeologico di Pompei, ucciso con una coltellata al petto a Torre Annunziata, in provincia di Napoli, il 19 aprile del 2021, solo per un parcheggio.

Stando a quanto si apprende, la sentenza è stata accolta dalla figlia che in lacrime ha lungamente abbracciato la madre.

La sentenza è stata emessa nell’aula 318 dinnanzi alla moglie e alla figlia che è stata testimone oculare dell’efferato delitto del padre, entrambe difese dallo stesso avvocato.

Anche in primo grado ai quattro imputati erano stati inflitti 23 anni ciascuno di reclusione dalla Corte di Assise di Napoli.

 Il sostituto procuratore generale di Napoli, al termine della sua requisitoria aveva chiesto quattro ergastoli.
Il collegio difensivo era composto dagli avvocati.

Presente in aula anche il sindaco di Torre Annunziata che si è costituito parte civile. (Fonte: Ansa).

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo