Uccisa in mare, nuovi accertamenti su reperti sequestrati

[epvc_views]

Una serie di accertamenti tecnici su alcuni reperti sequestrati si sono svolti oggi su diposizione della Procura, a Napoli, nell”ambito delle indagini sulla morte della ricercatrice di 30 anni investita mentre era in gita in canoa con un amico nel mare di Posillipo.

Per l”accertamento tecnico irripetibile, che si è svolto nel laboratorio di genetica forense, è stato nominato un consulente di parte, così come avvenuto per tutte le perizie finora disposte dagli inquirenti.

La famiglia è assistita dai propri legali. Intanto, nei giorni scorsi, si è svolta una serie di eventi per ricordare la giovane scomparsa, rimasta uccisa lo scorso 9 giugno, fare in modo che tragedie di questo tipo non si ripetano più.

 Martedì 25 giugno la famiglia ha partecipato ad alcuni incontri a Napoli, prima al dipartimento di Farmacia dell”Università Federico II, dove la giovane aveva iniziato la Pharmatech Academy, e poi nella sede del Coni Campania per incontrare il presidente e varie realtà sportive e pianificare con loro iniziative in memoria della ragazza, da quelle più strettamente sportive alle campagne di formazione e sensibilizzazione sulla guida sicura in mare rivolte ai giovani.

 La famiglia ha anche incontrato il sindaco di Napoli: “Abbiamo voluto ringraziarlo per il modo in cui ci è stato accanto a seguito della tragedia – spiega la famiglia Frazzica – Piccoli gesti che abbiamo apprezzato e che ci hanno fatto sentire meno soli. Siamo contenti di aver trovato, anche nell”amministrazione di un Comune così importante, piena disponibilità e impegno affinché, in futuro, non si debba piangere un”altra ”Cristina”. Il suo sacrificio non deve essere stato vano. Se tutti, nel nostro piccolo, decideremo di fare la nostra parte in questa direzione, allora qualcosa, forse, potrà cambiare davvero perché il mare – che Cristina amava così tanto – è di tutti e dobbiamo sentirci liberi di poterlo vivere senza paura”.

“Ora abbiamo bisogno della forza e del sostegno di tutti perché la sua perdita ci provoca un dolore indicibile – continuano i familiari di Cristina – Le persone che conosciamo, tra cui amici e colleghi di Cristina, ci hanno dimostrato vicinanza e affetto in questi giorni e manifestato il desiderio che emerga la verità di quanto accaduto. Li ringraziamo e attendiamo con fiducia il proseguo delle indagini”. (Fonte: Ansa)

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo