A Castellammare nuovi reperti in mostra al museo Libero D’Orsi

[epvc_views]

Torna “a casa” una delle tre preziose coppe in ossidiana scoperte nell’antica Stabiae nel 1954, durante uno scavo a Villa San Marco, curato da Libero D’Orsi.

La coppa, finemente lavorata con fili d’orio e minuscole tarsie di malachite, diaspro giallo, lapislazzulo e corallo bianco e rosa, troverà spazio nel museo intitolato proprio a Libero D’Orsi, nella Reggia di Quisisana di Castellammare di Stabia.

    Proviene dal Mann, dov’era custodita e sarà esposta nel museo archeologico di Stabia grazie all’accordo di valorizzazione sottoscritto nel 2023 tra il parco Archeologico di Pompei e il Museo Nazionale di Napoli.

    “Il museo archeologico di Stabia è sempre più protagonista di una rete territoriale di siti e luoghi della cultura di inestimabile valore – sottolinea il direttore del Parco, Gabriel Zuchtriegel -. Abbiamo già in programma un incontro con il neoeletto sindaco di Castellammare, Luigi Vicinanza, per parlare di progetti futuri. I collegamenti con mezzi pubblici, decoro e segnaletica sono alcune priorità che vorrei affrontare insieme all’amministrazione comunale. Intanto si sta lavorando ai servizi di accoglienza alle ville di Stabia, dove sono in corso importanti lavori di restauro e accessibilità”.

    La coppa in ossidiana è solo una delle opere in arrivo.

    Giungerà nel museo di Stabiae anche il noto busto-ritratto di una principessa giulio-claudia, attribuito a Claudia Ottavia, figlia di Claudio e prima moglie di Nerone, rinvenuto nel larario del piccolo peristilio della villa di Anteros insieme all’iscrizione di Anteros ed Heracleo, anch’essa esposta nel museo. (ansa)

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo