Bar e ristoranti senza personale: che fare?!

31 Visite

Il settore della ristorazione sta vivendo un periodo di crisi per difficoltà nel reperimento di capitale e risorse umane e, nonostante i contratti di lavoro siano a tempo indeterminato, attualmente continua la carenza di personale infatti il settore necessita di ventinovemila assunzioni.

Il report Annuale sulla Ristorazione, realizzato da FIPE-Confcommercio, scatta una fotografia penosa dell’emergenza che, in Italia, sta vivendo la ristorazione in quanto i dati evidenziano che, dopo 5 anni dalla nascita, quattro ristoranti su dieci hanno cessato l’attività infatti oltre l’80% delle aziende ristorative nate nel 2017 è ancora operativa dopo il primo anno di attività per scendere al 70% dopo 3 anni e al 60% dopo 5 anni

Il grido di SOS è lanciato non solo dal settore ristorazione, ma anche dai bar.

Un grido di aiuto che è stato accolto da Da Restworld, una startup nata con l’obiettivo di creare sinergia  tra datori di lavoro e dipendenti nel settore della ristorazione, e dallo Studio di consulenza aziendale Necchio che, per andare incontro alle imprese di ristorazione, arginare il lavoro nero e individuare forme contrattuali a favore sia dei datori che dei dipendenti hanno elaborato Step By Step, il primo manuale dedicato a migliorare le condizioni lavorative di chi lavora nella ristorazione.

Il manuale è la sintesi dell’ascolto di problematiche e proposte da parte di camerieri, imprenditori e varie figure legate al mondo della ristorazione da cui è emerso la centralità della settimana corta lavorativa.

Il settore imprenditoriale della ristorazione è ancora, rispetto ad altri settori, lento nell’aggiornare la propria struttura alle esigenze di una società sempre più attenta a conciliare lavoro e famiglia dando spazio al benessere della persona.

Step bay step nasce proprio con lo scopo di guidare e accompagnare i ristoratori nelle varie fasi necessarie per implementare la settimana corta lavorativa in modo da adeguare anche la ristorazione alle esigenze rinnovate di una comunità che mette al centro l’importanza di lavorare in un ambiente di lavoro sereno riducendo il rischio di burnout. 

ANTONELLA CIRESE

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo