Calcio Napoli, il doppio impegno di Calzona: le tre condizioni imposte dalla Slovacchia e il diritto di revoca

119 Visite

Francesco Calzona è ufficialmente il nuovo allenatore del Napoli, ma senza mollare il suo impegno da ct della Slovacchia. Per questo motivo urge fare chiarezza sulle dinamiche che si andranno a presentare da qui nei prossimi mesi, la loro gestione, tutto questo rispettando tre condizioni decise dalla SFZ (Federazione calcistica della Slovacchia). Questo il comunicato diramato dalla Federcalcio slovacca in merito al nuovo impegno preso da Calzona:

“La scorsa settimana la Federcalcio slovacca e l’allenatore Francesco Calzona hanno concordato un nuovo contratto fino alla fine del 2025. In caso di qualificazione ai Mondiali del 2026, il contratto verrebbe automaticamente prorogato fino alla fase finale del torneo.

Solo domenica 18 febbraio è arrivata la richiesta ufficiale da parte dell’SSC Napoli che Francesco Calzona potesse svolgere contemporaneamente la carica di capo allenatore della nazionale slovacca quella di capo allenatore del club. Dopo intensi colloqui con Calzona e consultazioni con il presidente della SFZ Ján Ková?ik, il vicepresidente della nazionale Karol Belaník e i membri del comitato esecutivo, la SFZ ha deciso di dare il consenso a F. Calzona per guidare anche l’SSC Napoli alle seguenti condizioni:

1. Il consenso è limitato nel tempo al periodo dal 19/2 fino all’ultima partita di Serie A o Champions League dell’SSC Napoli nella stagione 2023/24.

2. ??L’allenatore è tenuto a rispettare tutti gli obblighi contrattuali derivanti dal contratto valido con la Nazionale slovacca.

3. ??L’allenatore sarà a disposizione della Nazionale slovacca di calcio sempre, ma non esclusivamente, durante le date di associazione delle squadre nazionali di calcio determinate dal calendario calcistico internazionale, inclusa la presenza personale alla conferenza stampa di nomina prima delle partite di marzo della nazionale slovacca.

La SFZ ha il diritto di revocare il proprio consenso in qualsiasi momento in caso di mancato rispetto di una qualsiasi di queste condizioni. Questa procedura è stata concordata da tutti i membri del comitato esecutivo della SFZ. La Federcalcio slovacca è consapevole che si tratta di una decisione atipica che potrebbe destare preoccupazione tra il pubblico. Comprende però anche il rapporto eccezionale di Calzona con il club dove ha lavorato a lungo e vuole aiutarlo nell’attuale difficile situazione. L’allenatore Calzona ha più volte dichiarato che la priorità principale della sua attività resta la Nazionale slovacca di calcio e la sua preparazione alla fase finale del torneo EURO 2024″.



Foto: ANSA

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo