Il Museo di Capodimonte diventa autosufficiente: 40 milioni per la transizione ecologica

18 Visite

Il Museo di Capodimonte è stato riconosciuto come uno dei principali tesori artistici d’Europa, grazie alla ricchezza delle opere che custodisce. Il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, ha sottolineato questa importanza durante una recente visita al museo, in cui ha supervisionato i progressi del grande progetto di rinnovamento e miglioramento energetico, del valore di circa 40 milioni di euro.

Accompagnato dal nuovo direttore, Eike Schmidt, dal sottosegretario Gianmarco Mazzi e dal capo di Gabinetto del MiC, Francesco Gilioli, il Ministro ha voluto personalmente verificare lo stato dei lavori.

Questo ambizioso piano di restauro e rinnovamento del complesso di Capodimonte è stato reso possibile grazie a una partnership tra il Ministero della Cultura e Engie Italia. L’obiettivo è completare le opere necessarie e gestire in modo integrato i servizi energetici, tecnologici e multimediali del museo. Si tratta di un’iniziativa all’avanguardia nel campo della transizione energetica e digitale che, una volta completata, renderà il museo in gran parte autosufficiente dal punto di vista energetico, grazie all’impiego di fonti rinnovabili per soddisfare circa il 90% del suo fabbisogno.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo