Taranto e il disastro ambientale al centro delle nuove tracce di Kid Yugi

39 Visite

Il giovane rapper Kid Yugi, all’anagrafe Francesco Stasi e originario di Massafra, è nuovamente sulla scena musicale italiana con un rap che affronta tematiche scottanti legate al disastro ambientale di Taranto. Dopo il notevole successo ottenuto con il suo album d’esordio The Globe, che gli ha aperto le porte per un featuring nell’attesissimo album di Tedua La Divina Commedia, Kid Yugi torna con una musica che si distingue per la sua crudezza, ispirata al vecchio stile del rap.

Il 23enne di Massafra, comune profondamente segnato dalla presenza dell’ex Ilva, ha presentato l’ultima traccia intitolata “ILVA (Fume Scure remix)” dall’album I nomi del diavolo. In questa traccia, Kid Yugi offre un connubio di gangsta rap e reggae, evidenziando una forte ispirazione alla tradizione del reggae di denuncia, ben radicata in regioni come la Campania e la Sicilia: a supportare Kid Yugi in questa nuova traccia c’è Fido Guido, cantante reggae di Taranto noto per il suo impegno nella denuncia delle problematiche legate all’ILVA, espresso in tracce come Polvere o Fume Scure. La traccia Fume Scure è stata campionata da Kid Yugi, il quale ha inserito le sue proprie strofe: “si vede da lontano una nuvola tossica / una terra rossa e la mia gente che soffoca / quaggiù la vita quanto costa? / voglio una risposta / se tutto quello che ci uccide lo chiami risorsa“.

Nel panorama culturale contemporaneo, la questione dell’ex ILVA di Taranto sta riacquistando notorietà dopo un lungo periodo di silenzio e disattenzione da parte del giornalismo nazionale. Da un lato, Palazzina Laf di Michele Riondino, uscito lo scorso dicembre, ha contribuito a portare alla luce il più grave caso di mobbing dell’Italia contemporanea, offrendo uno sguardo intenso e toccante sulla realtà vissuta dai lavoratori dell’ex ILVA. Dall’altro, il fotografo inglese Sam Alexander Gregg, famoso per i suoi scatti che catturano la vivida realtà napoletana, ha tenuto un workshop proprio a Taranto lo scorso anno. Gregg ha scelto la città pugliese non solo per la sua evidente sofferenza causata dall’industria, ma anche per evidenziare i cambiamenti positivi in atto e le speranze di rinascita che stanno emergendo. Infine, Kid Yugi ha contribuito a portare la tematica dell’ex ILVA alla sua giovane fanbase nazionale attraverso la sua musica. 

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo