‘Il mondo collassa’: il nuovo singolo di Pare che miscela rap e filosofia

58 Visite

Si intitola ‘Il mondo collassa’ il nuovo singolo del cantante Pare, nome d’arte di Michele Pasquali, realizzato in collaborazione con il rapper Trip. La particolarità di questo brano è la magistrale capacità di fondere un genere di strada come il rap e il pensiero filosofico di Eraclito.

La canzone, come dichiarato dall’artista, è nata “in una di quelle giornate in cui ti guardi intorno e tutto quello che vedi sembra sfuggire di mano. Insieme a Trip, tra discorsi sull’attualità e le guerre che continuano a insanguinare la nostra epoca, mi sono reso conto che era il momento di fare di più. Di dire di più. Questa canzone è il frutto di queste riflessioni, una risposta alla domanda su come la musica possa influenzare, cambiare, o addirittura migliorare il mondo”. Una critica, quindi, alla società moderna, disposta anche a parlare di argomenti scomodi affinché si incendi il motore della rivoluzione. Tema centrale è la parola come strumento di cambiamento e potere.

Si passa dalla manipolazione politica che sfrutta i ‘dormienti’ per interessi personali all’influenza, tutt’altro che positiva, dell’avidità e del materialismo in materia di rapporti umani. “Fratelli poveri e fratelli ricchi, i primi son veri e i secondi son finti” cantano i due.

«In questo pezzo  io e Trip parliamo della società attuale, descrivendo le varie parti “marce” del mondo di adesso, di come la politica sfrutta ì dormienti, citando Eraclito, per i loro tornaconto. Nel testo citiamo la propaganda dei vari tg, dove le notizie vengono date e cambiate in base alla fazione per essere votati, così che continuino ad alzare le tasse e i prezzi non per il Paese, ma per arricchirsi loro e poter fare quello che vogliono. Affrontiamo anche il tema dei soldi, di come cambino le persone nel corso del tempo, e soprattutto della battaglia che esiste dagli inizi della civiltà tra i ricchi e i poveri. Non voglio generalizzare, perché nel mondo siamo miliardi e so che ci sono molte eccezioni, però, umanamente parlando, per me il povero è ricco e il ricco è povero” .

Pare e Trip hanno unito le forze per scuotere le coscienze dei loro ascoltatori e ricordare loro che la costruzione di una realtà migliore avviene attraverso lo smantellamento delle strutture malate che le sottostanno.

Con questa collaborazione i due artisti intendono “mandare il messaggio di aprire gli occhi e pensare con la propria testa perché le persone cercheranno sempre di fregarsi tra loro, soprattutto in quest’epoca pregna di apparenze e falsità. Veneriamo personaggi che si copiano l’un l’altro e cerchiamo di essere ciò che non siamo. In parole povere, siate voi stessi e usate la testa per ragionare su ciò che vi circonda”.

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo