lavori al Pronto Soccorso Cardarelli, Dg: venite solo se necessario

[epvc_views]

Ha preso il via la terza tranche di lavori di riammodernamento del pronto soccorso dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Si tratta di un intervento fa seguito alle ristrutturazioni già realizzate per la zona di accoglienza e prima valutazione (triage e pre-triage), oltre che per le aree di attesa dei pazienti e per il nuovo spazio destinato agli accompagnatori.

Il blocco di lavori che ha appena preso il via prevede il rifacimento delle aree di trattamento dei pazienti con codici a bassa e media gravità (verde, giallo e arancione) e l’ambulatorio di ortopedia interno all’area di emergenza. Gli spazi rinnovati “permetteranno una migliore gestione dei pazienti mediante l’applicazione di metodiche di lavoro idonee a gestire i grandi flussi”, assicurano dall’ospedale. I locali ristrutturati saranno allestiti in modo da prevedere vicino alla postazione di ciascun paziente un computer che permetta al medico di inserire direttamente le informazioni nella cartella clinica informatizzata. In una prossima tranche di lavori si procederà a riammodernare anche la zona del codice rosso.

Il cantiere “non crea interferenze con le attività sanitarie”, viene evidenziato. Gli spazi interni al reparto, infatti, sono stati rimodulati in modo da assicurare la continuità assistenziale. I lavori, tuttavia, hanno richiesto una riduzione degli spazi dedicati alle attese, limitando la capacità di accoglienza della struttura.

«Il pronto soccorso – dice Antonio d’Amore, direttore generale dell’Aorn Antonio Cardarelli – è stato fin dal giorno del mio insediamento un servizio cui abbiamo prestato massima attenzione.

Adeguare gli ambienti dell’area di emergenza è un lavoro estremamente complesso perché deve realizzarsi senza interrompere l’assistenza. Questa nuova tranche di lavori ci permetterà un ulteriore, importante, passo avanti. Tuttavia, l’insediamento del nuovo cantiere causerà fino al prossimo 14 agosto una temporanea riduzione degli spazi destinati all’assistenza. Abbiamo già comunicato al servizio 118 la necessità di limitare i trasporti nella nostra struttura, ma vogliamo fare un appello ai cittadini perché con senso di responsabilità ricorrano al nostro pronto soccorso solo nei casi strettamente necessari».

[responsivevoice_button buttontext="Leggi articolo" voice="Italian Female"]

News dal Network

Promo